Elisabetta Rogai ai Magazzini del Sale di Siena

Elisabetta Rogai: Oblò, vino su tela, 2013

Elisabetta Rogai: Oblò, vino su tela, 2013

Come ho avuto modo di segnalarvi nel post Cose da fare gratis a Siena, spesso ai Magazzini del Sale di Siena ci sono Mostre d’arte di valore e ad ingresso gratuito. E’ il caso ad esempio della Mostra che è in corso attualmente e che sarà visibile fino al 27 dicembre 2016.

Si tratta di una personale dell’artista fiorentina Elisabetta Rogai dal titolo Nell’Anima.

Ciò che caratterizza la produzione artistica di Elisabetta Rogai è l’EnoArte, dipinti su supporti diversi (tela, marmo, denim) eseguiti con il vino dopo aver tratteggiato le figure con il carboncino.

Sì, avete capito bene: con il vino.

Attraverso questa tecnica, inventata dall’artista, il vino viene fissato sulla tela attraverso un procedimento particolare che dona al quadro una vita vera e propria. Sulla tela infatti il vino invecchia ed i colori seguono l’andamento del tempo passando da quelli tipici dei vini giovani (colori vivi come viola e porpora) a quelli che caratterizzano i vini invecchiati (dall’ambra, dal terra di Siena bruciata, dall’arancio alle tonalità più spente). Tratto da: enjoysiena.it

Elisabetta Rogai: Volto di donna, vino e olio su marmo, 2016

Elisabetta Rogai: Volto di donna, vino e olio su marmo, 2016

La prima volta che sono venuta a conoscenza di questa particolare tecnica, la stessa volta in cui ho visto all’opera Elisabetta Rogai, è stato il 30 novembre del 2013 durante una serata di Degustazione di vini locali presso il Complesso Museale Santa Maria della Scala organizzata in concomitanza con la I^ Edizione del Mercato nel Campo di Siena.

Lei era lì, in fondo al salone, che dipingeva dal vivo. Sono riuscita a recuperare su Instagram un paio di fotografie grazie al tag #instawalk01siena, il primo Instawalk senese al quale partecipai anch’io.

Eccole qui le foto.

Il vino sulla tavolozza.

Una foto pubblicata da berio71 (@berio71) in data:

Wine & Art.

Una foto pubblicata da Elio (@eliaccio9) in data:

Nel 2015 invece molta curiosità, accompagnata anche da qualche battuta ilare collegata alla ‘volatilità dell’alcol’, destò nei senesi venire a sapere che l’artista Elisabetta Rogai era stata scelta per dipingere il Drappellone per il Palio dell’Assunta.

Il Drappellone comunque non è stato dipinto solo con il vino ma anche con i colori.

Ricordo bene la presentazione del Drappellone poiché, causa rischio pioggia, in un baleno il Sindaco Bruno Valentini decise di trasferire la cerimonia all’interno del Teatro dei Rinnovati il cui accesso principale è per l’appunto dal Cortile del Podestà.

Elisabetta Rogai: Drappellone per il Palio dell'Assunta 2015

Elisabetta Rogai: Drappellone per il Palio dell’Assunta 2015

Ci precipitammo quindi tutti in Teatro e fu un’esperienza incredibile.

La pioggia alla fine non arrivò quel giorno; ma il giorno del Palio, il 16 agosto, motivo per cui la carriera fu rimandata al giorno dopo.

Quale gioia! E sapete perché? perché grazie alla mia amica Gaia sono riuscita a vedere il Paio dai palchi davanti alla Mossa a prezzo stracciatissimo in quanto molti turisti che dovevano esserci evidentemente avevano una tabella di marcia ben precisa da rispettare e non erano potuti rimanere a Siena un giorno in più per vedere il Palio.

Ecco la prova provata 😉

Il Palio dell'Assunta 2015 visto dai palchi davanti alla Mossa

Il Palio dell’Assunta 2015 visto dai palchi davanti alla Mossa

Palio dell'Assunta 2015: Carroccio con il Drappellone di Elisabetta Rogai

Palio dell’Assunta 2015: Carroccio con il Drappellone di Elisabetta Rogai

Il Drappellone di Elisabetta Rogai, i cui bozzetti compreso lo spolvero(*) sono per l’appunto esposti nella Mostra ai Magazzini del Sale in una sezione dedicata, andò alla Contrada della Selva.

La Contrada della Selva vince il Palio dell'Assunta 2015

La Contrada della Selva vince il Palio dell’Assunta 2015

L’attuale Mostra di Elisabetta Rogai ai Magazzini del Sale è stata per me l’occasione di poter ammirare da vicino il suo lavoro.

Elisabetta Rogai non dipinge solo con il vino.

Elisabetta Rogai: Il volo, olio su tela, 2013

Elisabetta Rogai: Il volo, olio su tela, 2013

Infatti ci sono anche opere eseguite ad olio e vino oppure solo ad olio anche su supporti diversi dalla tela classica come ad esempio il marmo e il denim.

Proprio tra le opere su denim ho trovato l’opera che più di tutte mi ha colpito; quella intitolata Molta follia, suprema saggezza del 2014.

Elisabetta Rogai: Molta follia, suprema saggezza, olio su tela denim, 2014

Elisabetta Rogai: Molta follia, suprema saggezza, olio su tela denim, 2014

Fossi in voi ne approfitterei in questi giorni per fare un salto ai Magazzini del Sale che comunque rimangono una location molto suggestiva per eventi espositivi.

La mostra rimarrà aperta – lo ricordo – fino al 27 dicembre 2016 con apertura dalle ore 10 alle ore 18.

——-

(*) Lo spolvero è una tecnica pittorica che permette di riportare un disegno su varie superfici.

Elisabetta Rogai e lo spolvero del Drappellone per il Palio dell'Assunta 2015 (part.)

Elisabetta Rogai e lo spolvero del Drappellone per il Palio dell’Assunta 2015 (part.)

Elisabetta Rogai: lo spolvero del Drappellone per il Palio dell'Assunta 2015 (part.)

Elisabetta Rogai: lo spolvero del Drappellone per il Palio dell’Assunta 2015 (part.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *