Divina Bellezza Siena

Divina Bellezza SienaFoto credits: Artribune

Sono stata a vedere Divina Bellezza Siena, il video mapping in 3D sulla storia di Siena e della mancata costruzione del Duomo Nuovo  che sarà proiettato ogni sera alle 21.15 e alle 22.15 fino al 30 settembre (tranne nei giorni del Palio) sul Facciatone in Piazza Jacopo della Quercia.

L’evento è proposto da Opera Metropolitana di Siena e Opera Gruppo Civita.

Per la sua realizzazione è stato coinvolto Charles Darby, art director della saga Harry Potter e matt painting per film come Titanic e Matrix.

Detto questo, le mie aspettative erano altissime; ma, come spesso accade in questi casi, esse non sono state attese al cento per cento.

Come riferimento avevo il Capodanno Lumiére in Piazza del Campo di qualche anno fa: bellissimo e coinvolgente, secondo me. La sensazione era di far parte fisicamente della celluloide.

Cosa non mi ha convinto: la mancata manipolazione grafica delle opere d’arte proposte. La proiezione in così larga scala su uno ‘schermo’ così insolito come il Facciatone da solo non è  bastato a produrre l’effetto wow, almeno in me che avendo la fortuna di abitare a Siena spesso vado a rivedermi queste opere quindi le conosco a menadito.

Divina Bellezza Siena: FacciatoneCosa mi ha convinto: l’elaborazione grafica del progetto di costruzione del Duomo Nuovo. Mi sono sentita anch’io per un attimo ‘invincibile’ come dovevano sentirsi i nostri antenati. Consiglio vivamente dopo la visione dello spettacolo, se non è stato fatto prima, di fare il percorso la Porta del Cielo all’interno dell’attuale Duomo.

La morale, almeno così mi è sembrato di capire, è che l’idea di bellezza che Siena ha saputo creare nel Medioevo non è stata mai abbandonata nemmeno dopo la peste del 1348 come dimostrano i capolavori successivi.

A questo punto non ho potuto fare a meno di chiedermi dove posso io trovare oggi i ‘successori’ di tale idea di bellezza visonaria.

Da qui a settembre vorrei tornarci per guardarlo da un’altra postazione. Questa volta mi sono messa al centro della Piazza per ritrovare quell’effetto coinvolgente del Capodanno Lumiére; ma come vi ho già detto non è stato proprio così. Allora vorrei provare a guardalo da un po’ più lontano, magari dai gradini laterali del Duomo, per vederlo come se fosse un video.

Dal punto di vista logistico, ottimale sarebbe poter assistere allo spettacolo stando sdraiati per terra perché il Facciatone è alto e quindi bisogna stare con la testa all’insù e il collo dopo un po’ ne risente. O sono io che sto invecchiando? 🙂

Mi piacerebbe molto confrontarmi con chi l’ha visto, senesi e non, per cui se mi state leggendo, fatevi sentire nei commenti!

Mi sono immaginata che per un turista deve essere bello rivedere la sera, sul grande schermo, le cose che, spero, ha visto dal vivo durante la sua giornata a Siena.

Per la cronaca, non è possibile fare fotografie nè filmati…

Informazioni su costi e prenotazioni le trovate qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.