Archivio della categoria: Consapevolezza

WorkSchock con Richard Romagnoli

WorkSchock con Richard Romagnoli

Sabato ho fatto una cosa bellissima: ho partecipato al WorkShock di Richard Romagnoli a Firenze (quella con la felpa bianca nella foto sono io. Ringrazio lo staff di Richard per aver pubblicato questa foto su Facebook).

Dopo aver letto il libro Ho imparato a ridere mi ero detta che prima o poi avrei partecipato ad una delle sessioni di Yoga della Risata di Richard ed è accaduto in brevissimo tempo.

Non è semplice rispondere alla domanda che cos’è il WorkShock, pur avendo io letto anche il libro WorkShock in cui Richard racconta l’esperienza che propone in queste giornate. Mi sarà sicuramente più utile rileggerlo ora, dopo aver partecipato all’evento. Continua a leggere

Ho imparato a ridere di Richard Romagnoli

Ho imparato a ridere di Richard Romagnoli

Semina un pensiero e raccoglierai le azioni,

semina azioni e raccoglierai delle abitudini.

Semina delle abitudini e raccoglierai il tuo carattere,

semina il tuo carattere e raccoglierai il tuo destino.

Il destino dipende dal carattere,

il carattere dipende dalle abitudini,

le abitudini dipendono dalle azioni,

e le azioni dipendono dai pensieri.

Pensiero e destino sono interconnessi.

-Sathya Sai Baba

Tratto dal libro Ho imparato a ridere di Richard Romagnoli per EIFIS Editore.
Continua a leggere

Gentilezza: tre indizi

Gentilezza: tre indizi. Nella foto: sorriso arcaico di Peplos Kore

Sono stata una settimana al mare.

È stata una possibilità inaspettata (leggete come mai qui); ma il mio ‘capo’ è differente e quindi lo ha reso possibile.

Grazie Gaia!

Sono stata a Pescara, come ogni anno; ma quest’anno sono andata più che altro a trovare mia mamma perché l’acqua del mare era inquinata e quindi non ho fatto mai il bagno, io che notoriamente sto sempre in mezzo all’acqua per prendere quell’abbronzatura uniforme che con le sole creme abbronzanti non mi riesce mai di prendere.

Mi sono rilassata, ho letto diversi libri, ho mangiato genuino, ho visto per intero e in diretta la cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Rio, ho meditato ogni giorno in quella che è stata la mia cameretta durante gli anni del Liceo e che è grande quasi quanto casa mia a Siena.

Insomma, sono tornata a Siena ritemprata.

Nel viaggio di ritorno, ripensando alla settimana appena trascorsa, mi sono accorta di aver fatto una bellissima esperienza di gentilezze ricevute.

Protagonisti di questi gesti di gentilezza sono stati la signora addetta ai servizi pubblici dell’autostazione Tiburtina, il mio parrucchiere di Pescara e un’artista senese.

Cosa hanno fatto di particolare?

Continua a leggere