Archivio della categoria: #ARTE

SIENA DAL ‘200 al ‘400 – La Collezione Salini

Collezione Salini: Adorazione dei Pastori di Andrea di Bartolo (1388 circa)

SIENA DAL ‘200 al ‘400 – La Collezione Salini
Siena, Magazzini del Sale di Palazzo Pubblico
Fino al 15 settembre.
Ingresso gratuito.

Quando nel post Cose da fare gratis a Siena ho scritto Andare a verificare se ai Magazzini del Sale c’è qualche mostra temporanea solitamente ad ingresso gratuito non immaginavo che ci sarebbe stata una Mostra di questo livello.

La Collezione Salini è spet-ta-co-la-re.

La prima cosa che ho capito dopo averla visitata la prima volta (ho intenzione di tornarci spesso vista l’eccezionalità dell’evento) è che non hanno proprio tutti i torti i senesi a snobbare ‘tutto il resto’.

Per farvi capire, la Collezione Salini è la versione in miniatura della Pinacoteca di Siena. Continua a leggere

Prima Edizione della Giornata Nazionale del Paesaggio

Prima edizione della Giornata Nazionale del Paesaggio: Arte e paesaggio nei dipinti della Pinacoteca di Siena

Sano di Pietro, Annunciazione ai pastori.

In occasione della Prima Edizione della Giornata Nazionale del Paesaggio dello scorso 14 marzo promossa dal MiBACT in attuazione della Convenzione Europea del Paesaggio (DM 457/2016) la Pinacoteca di Siena ha proposto un percorso guidato alla scoperta del rapporto tra Arte e paesaggio nei dipinti della Pinacoteca di Siena a cura di Maria Mangiavacchi.

Lo scopo di questa giornata, per noi, è quella di sensibilizzarci a riscoprire il valore del nostro patrimonio paesaggistico.

Mangiavacca ha introdotto il percorso leggendo le definizioni contenute nell’ Articolo 1 del Capitolo 1 della Convenzione:
Continua a leggere

Dentro il restauro: aspettando la mostra di Ambrogio Lorenzetti

Siena: Dentro il restauro, aspettando la mostra di Ambrogio Lorenzetti

Nel 2017 Siena renderà omaggio ad Ambrogio Lorenzetti con una mostra di quelle con la ‘M’ maiuscola; queste almeno sono le aspettative e a giudicare dal fermento che già dall’anno scorso c’è in città ci sono buone probabilità che proprio così sarà.

Cosa intendo con il ‘fermento’? intendo la possibilità straordinaria di poter visitare i cantieri aperti in città guidati da uno dei restauratori, Massimo Gavazzi. Roba che non si vorrebbe più scendere dai ponteggi per ammirare vis a vis, ad esempio, gli affreschi del ‘nostro’ nella Basilica di San Francesco a Siena.

L’evento è stato chiamato Dentro il restauro e dal mio entusiasmo avrete capito che apprezzo moltissimo questa iniziativa.

Per ora ho visto gli affreschi provenienti dall’Eremo di Montesiepi al Santa Maria della Scala e gli affreschi della Basilica di San Francesco a Siena, entrambi realizzati per una parte a fresco e per una parte a secco.

Qual è lo scopo di questo post?

Non di riportare dettagliate notizie storiche, iconografiche e pittoriche degli affreschi. Non è il caso sia perché queste informazioni si trovano on line sia perché i restauri, da come ci ha accennato Massimo Gavazzi, stanno portando alla luce nuove informazioni e ovviamente queste informazioni verranno svelate pubblicamente in occasione della Mostra.

Lo scopo del mio post è di condividere con voi i particolari sui quali il restauratore ci ha invitato a soffermare la nostra attenzione; quei particolari che dalla normale collocazione degli affreschi non riusciremmo a vedere perché troppo lontani dai nostri occhi.
Continua a leggere